ISTITUTO ICNOS

Scuola di Specializzazione in Psicoterapie Brevi Sistemico Strategiche

La Scuola di Specializzazione è strutturata per fornire al terapeuta delle competenze altamente pratiche. Forti di un solido complesso teorico ed epistemologico, vogliamo che lo psicologo sappia lavorare in tutti i setting (individuale, di coppia, familiare, di gruppo…) e con tutti i problemi (dalle difficoltà minori alle psicopatologie più gravi).

Come “Istituto ICNOS” abbiamo iniziato, sul finire degli anni ‘90, a studiare i diversi modi di aiutare le persone in tempi brevi. Nel corso del tempo, da semplice “gruppo di studiosi” siamo giunti a formalizzare un centro di studio, ricerca e formazione (l’Italian Center for Single Session Therapy, il primo in Italia a fornire formazione in Terapia a Seduta Singola), fino ad aprire la Scuola di Specializzazione “Istituto ICNOS”.

Ad oggi, con studi, ricerche e pubblicazioni alle spalle (Cannistrà, 2021; Cannistrà & Hoyt, 2020; Hoyt & Cannistrà, 2019; Cannistrà, 2019ab; Cannistrà & Piccirilli, 2018; Scarlaccini, Cannistrà & Da Ros, 2017; Piccirilli, 2016), nonché la partecipazione a congressi e simposi internazionali, il nostro modello integra 3 grandi tradizioni della psicologia e della psicoterapia internazionale: le Terapie Brevi, la Matrice Strategica e l’Approccio Sistemico.

LE TERAPIE BREVI

Aiuta la persona nel più breve tempo possibile e in modo efficace e duraturo

Le Terapie Brevi sono degli approcci evidence based nati in risposta ai lunghi tempi di altre terapie. La loro sistematizzazione è avvenuta a partire dalla fine degli anni ‘60, con studi, ricerche e numerose pubblicazioni. Ne è stata così attestata l’efficacia (al pari delle altre psicoterapie), l’efficienza (mediamente sotto le 10 sedute) e la durata dei risultati nel tempo (con follow-up anche ad anni di distanza dalla risoluzione del problema).

La durata media di una Terapia Breve è di 7-8 sedute (Hoyt, 2009; Megglé, 1998), benché non c’è mai, da parte nostra, una corsa irrazionale alla brevità. Quando necessario una terapia può prolungarsi anche oltre, purché il terapeuta abbia sempre la possibilità di constatare miglioramenti incrementali, gestendo eventuali blocchi ed evitando situazioni d’impasse che protraggano la terapia in modo ingiustificato.

L’epistemologia seguita è quella del costruttivismo radicale (von Glasersfeld, 1981, 1987, 1995; Watzlawick, 1981) e del costruzionismo sociale (Gergen, 2006), che asseriscono che la conoscenza e la rappresentazione della realtà sono influenzate dalla soggettività di ciascun individuo, dalle sue interazioni con se stesso e con gli altri, e dai modi in cui descrive la realtà. Più che complesse teorie eziopatogenetiche, frutto delle idee e osservazioni di autori diversi, diviene fondamentale la percezione che il paziente ha del suo problema, e ciò che ha tentato di fare per risolverlo.

Il terapeuta non impone la propria realtà sul paziente, per farlo rigidamente aderire a una sorta di “verità oggettiva” decisa dalla teoria di riferimento. Si interessa, invece, alla rappresentazione del mondo della persona stessa, per comprendere dove essa è divenuta disfunzionale (causa di sofferenza) e come aiutare la persona a sbloccarla.

 

UN MODELLO TERAPEUTICO

Utilizzare strumenti diversi per aiutare persone diverse

Se inizialmente, come tutti, cominciammo studiando e applicando un singolo approccio di Terapia Breve, il continuo aggiornamento professionale ci ha portato a constatare un noto dato di fatto: nessuna forma di psicoterapia può essere adeguata per qualunque persona e per qualunque problema (Wampold & Imel, 2015). Questo ci ha convinti ad adottare un approccio multiteorico: la capacità di utilizzare diversi modelli per saper gestire la complessità clinica (Hoyt, 2009).

Grazie all’apprendimento di 4 modelli differenti di Terapia Breve, è possibile rispondere alle differenze interpersonali che caratterizzano e distinguono la maggior parte delle psicopatologie e delle problematiche umane. In altre parole, lo stesso problema è diverso nelle diverse persone. Pertanto, un metodo che si rivela efficace per un certo tipo di persona, potrebbe non esserlo per un’altra, anche se dovessero aver ricevuto la stessa diagnosi.

La nostra Scuola mira a formare terapeuti capaci di muoversi attraverso diverse forme di Terapia Breve. Condividendo background epistemologici simili, le Terapie Brevi insegnate fanno sì che le psicologhe e gli psicologi della Scuola apprendono modalità di intervento capaci di gestire le richieste delle persone in tutta la loro unicità, rendendo semplice il complesso.

LA MATRICE STRATEGICA

Ampliare il funzionale, bloccare il disfunzionale

Tra le diverse forme di Terapia Breve studiate, abbiamo ritenuto più funzionali quelle riconducibili alla Matrice Strategica. Pur con le loro peculiarità, queste sono connesse agli sviluppi degli studi e delle pratiche di Milton H. Erickson, la cui opera influenzò tutta la psicoterapia, specialmente quella breve, a partire dagli anni ‘60-’70 (Cannistrà & Piccirilli, 2018; Nardone & Milanese, 2018; Hoyt et al., 2018, 2014; Talmon, 1990; de Shazer, 1985; Watlzawick et al., 1974; Haley, 1973).

Jay Haley, ideatore del termine “terapia strategica” e importante nome della psicoterapia familiare, sostiene che l’approccio strategico “non è un particolare approccio o teoria, ma un nome per quei tipi di terapia in cui il terapeuta si assume la responsabilità di influenzare direttamente le persone” (1973, p. 3) dove “influenzare” significa immaginare un terapeuta attivo, che non siede ad attendere il cambiamento, ma aiuta la persona a compierlo pragmaticamente.

Nello specifico sono 4 i modelli che insegniamo nella nostra Scuola:

  • Terapia a Seduta Singola (TSS)
  • Terapia Breve Centrata sulla Soluzione (TBCS)
  • Terapia Strategica (TS)
  • Terapia Strategica Familiare (TSF)

Il modello multiteorico consente ai nostri allievi di passare dal semplice al complesso. Riteniamo improduttivo e inefficiente partire con pratiche complicate, se si può ottenere lo stesso risultato tramite interventi più semplici. La complessità viene semmai aggiunta via via che pratiche precedenti si sono rivelate inefficaci.

Non di rado i nostri terapeuti non necessitano di andare oltre il secondo modello. Qualora fosse necessario possono contare su strumenti di intervento diversi, in modo da abbandonare un metodo che non sta dando risultati e che rischierebbe di farli diventare “complici” del problema.

Vediamo nello specifico i 4 modelli (per approfondimenti ulteriori scarica il nostro Ebook)

Massimizzare l’efficacia di ogni singola (e spesso unica) seduta

Secondo l’OMS (Wells et al., 2013), circa il 50% delle terapie si interrompe entro le prime 3 sedute. Inoltre, altri studi mostrano che il numero più frequente di sedute in psicoterapia è 1: circa il 30% delle persone ritengono che una sola seduta sia tutto ciò di cui hanno bisogno (Hoyt & Cannistrà, 2019; Cannistrà & Piccirilli, 2018; Hoyt et al., 2018, 2014).

Non è strano, se pensiamo che le persone dispongono delle risorse necessarie per affrontare e superare i propri problemi. Il terapeuta formato in Terapia a Seduta Singola parte da questo presupposto, divenendo in grado di trarre il massimo da ogni singola seduta con 3 vantaggi:

  1. aiuta la persona a trovare già in una seduta un supporto, se non una vera e propria risoluzione, al suo problema;
  2. massimizza l’efficacia dell’intera terapia, abbreviando la durata complessiva del trattamento;
  3. risponde alle esigenze contemporanee delle persone di trovare aiuti efficaci ed efficienti ai propri problemi.

Grazie a una prima seduta di TSS il terapeuta può aiutare tutte quelle persone che temono che una terapia sia troppo lunga, costosa o inadeguata per le loro esigenze. Questo metodo, descritto step-by-step nel libro Terapia a seduta singola. Principi e pratiche (Cannistrà & Piccirilli; Giunti Editore, 2018), permette di individuare le risorse di cui la persona già dispone e metterle al servizio della risoluzione del problema.

E’ il metodo più semplice ed efficiente per risolvere problemi anche complessi.

La TSS sta producendo un crescente numero di studi e ricerche negli ultimi 30 anni (Talmon, 1990; Hoyt et al., 2014, 2018; Cannistrà & Piccirilli, 2018) e sta ricevendo una crescente attenzione nell’ambito della salute mentale. In Italia, l’ente principale che si occupa di fare ricerca, formazione e divulgazione in TSS è il nostro Italian Center for Single Session Therapy.

Cambiare percezioni e comportamenti sviluppando le proprie soluzioni

Sviluppata a partire dagli anni ‘80 da Steve de Shazer (1984, 1987, 1991, 1994) e dal suo gruppo di ricerca (de Shazer et al, 2007; Iveson et al., 2012), la TBCS è ad oggi l’approccio di terapia breve più studiato e praticato al mondo.

Il terapeuta solution-focused è in grado aiutare la persona a cambiare velocemente percezioni e comportamenti, basandosi principalmente sulle domande poste in seduta. Il modello ha difatti una forte componente dialogica-conversazionale (solution-talk). Attraverso specifiche domande, il terapeuta è in grado di condurre la persona a costruire una nuova realtà: nuovi significati che conducono a nuove percezioni e nuovi comportamenti.

In questo processo viene massimizzato il rispetto delle opinioni, delle credenze e delle preferenze della persona, in un approccio che unisce efficacia (superiore all’80%), efficienza (media di 3-5 sedute) e alto valore etico.

Si tratta di uno dei modelli di terapia breve più diffusi al mondo, e si focalizza sulla capacità del paziente di trovare spontaneamente lo scenario desiderato e i modi di agire in esso (de Shazer, 1985; de Shazer et al., 1987, 2003, 2007; Berg, 1994; Berg et al., 1992, 2001; O’Connell, 2014).

Strategie comunicative e tecniche paradossali per sbloccare l’impasse

Quando c’è bisogno di un intervento più direttivo e prescrittivo, la Terapia Strategica mostra di essere altamente efficace ed efficiente. Sviluppata a partire dagli anni ‘70 nel contesto della famosa Scuola di Palo Alto, permette di interrompere rapidamente le interazioni disfunzionali ridondanti che la persona ha con se stessa, gli altri e il mondo.

Il terapeuta riesce a sbloccare anche le situazioni di forte impasse attraverso prescrizioni di comportamento paradossali (Nardone & Watzlawick, 1990), ristrutturazioni percettive, cognitive ed emotive (Watzlawick et al, 1974), e comunicazioni suggestive ed evocative che rafforzino la collaborazione e incrinino le percezioni disfunzionali (Watlzawick, 1977), .

La Terapia Strategica è stata sviluppata all’interno del Brief Therapy Center, nel Mental Research Institute (Watzlawick et al., 1974; Fisch et al., 1982; Fisch et al., 2002) e poi evoluta in Italia presso il Centro di Terapia Strategica diretto da Giorgio Nardone (Nardone & Watzlawick, 1990, 2005; Watzlawick & Nardone, 1997; Nardone, 2018).

Il terapeuta diviene in grado di utilizzare un linguaggio suggestivo, teso a evocare sensazioni e a indurre comportamenti che forniscano percezioni più funzionali, da un lato, e blocchino i comportamenti disfunzionali dall’altro. Per il medesimo scopo, diviene inoltre in grado di padroneggiare tecniche specifiche e le logiche su cui si basano (Cannistrà & Hoyt, 2020), per ripristinare velocemente un equilibrio funzionale.

Lavorare con tutte le configurazioni sistemiche

Un terapeuta deve essere in grado di lavorare con tutte le configurazioni sistemiche possibili: coppia, genitori, diadi, triadi, famiglie e gruppi. Seppure sarà una sua scelta personale quella di rivolgersi a specifiche categorie di utenza, deve comunque saper riconoscere (e all’occorrenza interrompere) le disfunzionali alleanze, interazioni e relazioni che mantengono in vita i problemi presentati.

Tutti i modelli descritti permettono questo, ma l’approccio di Terapia Strategica Familiare (Haley, 1960, 1963, 1968, 1980; Madanes, 1981; Haley & Grove, 1993) arricchisce le possibilità di intervento efficace. L’idea è in certe situazioni determinati problemi possano essere risolti agendo sull’incongruenza gerarchica all’interno della famiglia e sulle conseguenti sequenze disfunzionali di atti connotati da alleanze e giochi di potere.

Il terapeuta è così in grado di comprendere come alcuni sintomi e comportamenti del paziente possano configurarsi come tentativi di gestire le interazioni con gli altri membri della famiglia/coppia.

L’APPROCCIO SISTEMICO

Lavorare con l’individuo, la coppia e la famiglia

L’approccio sistemico è quella corrente teorica psicologica che, partendo dalla teoria dei sistemi di von Bertalanfy e dalla cibernetica, considera le persone inserite all’interno di sistemi composti da elementi connessi tra loro: così, il cambiamento in un elemento del sistema porta a cambiamenti negli altri elementi e, di conseguenza, nel sistema stesso (Bateson, 1956; Watzlawick, Beavin & Jackson, 1967).

Di fatto, vediamo i nostri pazienti come inseriti all’interno di diversi sistemi: la coppia, la famiglia, ma anche la scuola, l’ambiente di lavoro, persino la cultura e la società di riferimento. La psicologia sistemica ha così segnato un definitivo superamento della concezione monadica, che vedeva nel paziente e nelle sue dinamiche intrapsichiche l’unica e fondamentale unità di lavoro.

Come specificato da Fisch et al. (1982, p. 44): “l’approccio sistemico è tale soprattutto da un punto di vista concettuale: l’importante è il modo di vedere i problemi, non il fatto di tenere sedute individuali, o con due o più membri di una famiglia.”

Benché il lavoro individuale sia spesso e volentieri preferibile e risolutivo, lo psicoterapeuta all’occorrenza deve essere in grado di saper lavorare su diversi livelli sistemici se vuole essere veramente efficace ed efficiente. Potrebbe infatti essere necessario prendere in carico altri membri della famiglia o della vita relazionale della persona che porta il problema.

Di più: a volte quest’ultima non è colei che si presenta in terapia. Pertanto il terapeuta dev’essere capace di lavorare proprio attraverso gli altri elementi del sistema: genitori, fratelli, partner, insegnanti, amici, colleghi…

Di fatto, nella nostra Scuola di Specializzazione insegniamo a gestire quattro modalità di intervento terapeutico:

  1. Diretta-Individuale: si lavora direttamente con la persona che presenta il problema e che fa richiesta della terapia per se stessa.
  2. Diretta-Sistemica: si lavora sull’intero sistema preso in carico (ad es. famiglia o coppia) per aiutare la persona o le persone che presentano il problema (che ovviamente possono coincidere anche con il sistema intero).
  3. Indiretta-Individuale: la persona che porta il problema non si presenta in terapia, pertanto si lavora su di essa indirettamente, tramite un altro membro del sistema. Un esempio è quello della mamma che viene in terapia per farsi aiutare con un problema del figlio.
  4. Indiretta-Sistemica: come sopra, la persona con il problema non si presenta in terapia, così vengono coinvolti più elementi del suo sistema. Un esempio è quando si lavora con l’intera famiglia senza vedere il paziente designato (come un membro psicotico che rifiuta la terapia), o quando si lavora con gli insegnanti e i genitori per lavorare sul bambino/ragazzo.

EFFICACIA DELLE TERAPIE BREVI

Risultati concreti, efficienti e durevoli nel tempo

Fin dagli anni ‘60-’70, i modelli esposti si sono rivelati efficaci per qualunque psicopatologia o problematica personale e relazionale, al pari di qualunque altro modello, ma con una durata media inferiore alle 10 sedute. Va inoltre sottolineato che le ricerche sono state condotte anche con follow-up (di mesi e anni), mostrando che i risultati si mantengono nel tempo.

Riferendoci solo a una minima parte degli studi pubblicati, sappiamo che i modelli esposti si sono rivelati efficaci per:

  • disturbi d’ansia ( Lyubchenko & Baziak, 2015; Rakowska, 2011; Nardone & Watzlawick, 2005)
    disturbi ossessivi (Pietrabissa et al., 2016)
  • disordini alimentari (Pietrabissa et al., 2014; Castelnuovo et al., 2011; Nardone & Barbieri, 2010; McFarland, 1995)
  • depressione (Yapko, 2015; Fisch et al., 2002; Watzlawick & Coyne, 1980)
  • psicosi e disturbi di personalità (Simon & Nelson, 2012; Haley, 1980; Jackson & Weakland, 1961)
  • alcolismo e dipendenze (Berg et al., 1992; Fisch, 1986; Jackson, 1967)
  • problemi coniugali, familiari e delle condotte scolastiche di bambini e adolescenti (Scarlaccini, Cannistrà & Da Ros, 2017; Perkins, 2006; Hopwood, 1993)
  • disfunzioni sessuali (Green et al., 2004; Dolan, 1992)

Inoltre i modelli si sono rivelati efficaci con individui e famiglie appartenenti diverse etnie culturali (Soo-Hoo, 1999; Richeport-Haley, 1998) e per il trattamento di pazienti con patologie organiche (Rakowska, 2015; Caniato & Skorjanec, 2002).

DIVENTARE UNO PSICOTERAPEUTA DI ECCELLENZA

Sapere esattamente cosa fare per aiutare le persone in tempi brevi

Ciò che contraddistingue l’Istituo ICNOS è un approccio pragmatico (Cannistrà, 2021). Vogliamo che la psicologa e lo psicologo diventino in grado di sapere esattamente cosa fare con le diverse “persone e patologie” con cui si troveranno a lavorare.

Come detto, se da un lato lo psicoterapeuta viene formato su aspetti tecnici e metodologie d’intervento che si sono dimostrate efficaci per particolari categorie diagnostiche, dall’altra apprende da subito a gestire la soggettività e l’unicità della persona che viene in terapia. A fronte della “stessa” patologia, le differenze individuali possono necessitare di una capacità di un adattamento dei livelli comunicativi e relazionali. Capacità che il terapeuta sistemico-strategico sviluppa già a partire dal I Anno Accademico.

Esercitazioni mirate, ascolto e visione di casi clinici, laboratori ed esperienze “sul campo”, oltre alla possibilità di far parte volontariamente del nostro One Session Center, dove vedere pazienti ed essere supervisionati, permettono di formare terapeuti che sappiano come si lavora e come essere realmente efficaci.

LAVORARE DA PSICOTERAPEUTA

Formazione professionale per vedere clienti

Crediamo inoltre che sia un grande spreco aver speso anni di Università, tirocinio e specializzazione, per poi non riuscire a lavorare da psicologo, a vedere e aiutare abbastanza clienti e ad avere una soddisfazione economica commisurata all’investimento fatto.

Se da un lato le Terapie Brevi avvicinano più facilmente le persone, perché permettono di ottenere risultati efficaci già dalle prime sedute, dall’altro l’Istituto ICNOS si impegna da sempre ad aiutare i propri allievi nella promozione professionale.

Oltre che a dedicare alcuni incontri annuali per aiutare le psicologhe e gli psicologi della nostra Scuola ad avviare la propria professione in modo efficace, abbiamo creato spazi e tempi continui in cui essi possano confrontarsi e ricevere supporto per riuscire a lavorare in modo soddisfacente.

Inoltre, tutti gli studenti che ne facciano richiesta, vengono aggiunti gratuitamente sul sito www.onesession.it, dove possono ricevere richieste da parte di potenziali pazienti. Pensato per aiutare le persone a trovare terapeuti brevi, il sito ha anche lo scopo di sostenere i nostri allievi, che volendo possono anche scrivere articoli divulgativi che li facciano conoscere al grande pubblico.

In più, come detto, chi vuole può lavorare presso il nostro “One Session Center”, vedendo pazienti e ricevendo supervisioni dai nostri docenti.

Vogliamo davvero che i nostri allievi possano ricevere una formazione a 360° e che riescano a realizzarsi come efficaci professionisti della salute mentale.

FEEDBACK

 

Abbiamo fatto alcune domande ai nostri allievi, ad esempio il perchè della loro scelta, come la scuola gli è tornata utile e altro ancora. Ecco le loro risposte.

Emilia Collina
Emilia CollinaPerché hai scelto questa scuola?
Leggi Tutto
Per diventare una psicoterapeuta efficace ed efficiente
Beatrice Pavoni
Beatrice PavoniIn che modo la scuola ti è tornata utile nella tua professione?
Leggi Tutto
Grazie alla scuola, ho iniziato a lavorare come psicologa fin da subito, avendo appreso gli strumenti necessari per fare consulenza. Mi ha permesso così di accorciare le tempistiche, affrontare le paure e fare esperienza diretta sul campo. Inoltre posso contare sulla supervisioni e i consigli dei docenti, sui colleghi e una formazione continua.
Gianpiero Strangio
Gianpiero StrangioDescrivi la tua esperienza ad ICNOS con una frase
Leggi Tutto
Una professionalità e un'attenzione empatica da parte dei docenti. Molta chiarezza e precisione nell'insegnamento e organizzazione nelle lezioni.
Rocco Del Vecchio
Rocco Del VecchioUn motivo per cui consiglieresti questa scuola ad un collega
Leggi Tutto
Acquisizione di competenze efficienti ed efficaci da applicare in ambito lavorativo
Rosita Del Medico
Rosita Del MedicoPerché hai scelto questa scuola?
Leggi Tutto
La loro filosofia mi ha colpito fin da subito. Così mi sono iscritta sia all'open day della scuola che al workshop in TSS. Mi sono talmente appassionata che il mese successivo mi sono iscritta alla scuola e dopo i primi sei mesi sono più convinta che mai! Hanno un approccio estremamente pratico che unito ad una grande professionalità ne fanno una combinazione eccellente!
Gioele Cedro
Gioele CedroIn che modo la scuola ti è tornata utile nella tua professione?
Leggi Tutto
Mi ha permesso di cominciare da subito al lavorare. Grazie alle lezioni e ai testi ho potuto capire da subito come orientarmi al mercato del lavoro, creando un clima di collaborazione professionale con i colleghi della scuola stessa. Inoltre durante il lockdown l'efficiente organizzazione mi ha permesso di seguire tutte le lezioni come da programma, con la stessa qualità della modalità in presenza. La scuola già dal primo anno mi è stata, insomma, utile a mettermi subito in gioco.
Sharon Puccio
Sharon PuccioDescrivi la tua esperienza ad ICNOS con una frase
Leggi Tutto
Formativa e piacevole sia dal punto di vista umano che professionale
Tiziana Teperino
Tiziana TeperinoUn motivo per cui consiglieresti questa scuola ad un collega
Leggi Tutto
Ho incontrato spesso colleghi validi che non riuscivano a realizzarsi pienamente per via di lacune pratiche sul piano di auto promozione e gestione degli aspetti burocratici. Purtroppo durante il corso di studi della specialistica nessuno aveva spiegato loro queste cose. Consiglierei allora icnos perché, oltre alla teoria e a tanta pratica, c'è spazio anche per sviluppare competenze di questo tipo così da poter diventare un terapeuta preparato a 360 gradi.
Lara Ermini
Lara ErminiPerché hai scelto questa scuola?
Leggi Tutto
Ho scelto questa scuola per l'ampio sguardo con cui permette di osservare le cose; mi ha attratto l'organizzazione, la puntualità e la capacità dei docenti di far esperire nella pratica reale ciò che si approfondiva a lezione
Vanessa Pergher
Vanessa Pergher In che modo la scuola ti è tornata utile nella tua professione?
Leggi Tutto
Professionalmente parlando, la scuola mi ha fornito strumenti già dal primo weekend. Ho fin da subito potuto "sperimentare sul campo" quanto appreso. Inoltre, l'approccio multiteorico mi permette di essere flessibile e adattare il mio modo di lavorare in base alle persone con cui mi trovo a lavorare.
Giada Mastrogregori
Giada MastrogregoriDescrivi la tua esperienza ad ICNOS con una frase
Leggi Tutto
Non é una scuola che semplicemente frequenti, ma in cui senti di costruirne insieme il percorso.
Fulvia Messina
Fulvia MessinaUn motivo per cui consiglieresti questa scuola ad un collega
Leggi Tutto
Lezioni chiare e complete, disponibilità e preparazione dei docenti, attenzione a fornire competenze spendibili nel proprio lavoro.
Costantino Santori
Costantino SantoriPerché hai scelto questa scuola?
Leggi Tutto
Ho partecipato a un work shop di Terapia a Seduta Singola, sono rimasto incuriosito dal metodo. Ho deciso di approfondire le conoscenze ed ho partecipato all'open day di presentazione della scuola. Sono rimasto soddisfatto dal progetto formativo e dall'atmosfera tranquilla, informale ma non per questo meno professionale.
Antonella Esposito
Antonella EspositoIn che modo la scuola ti è tornata utile nella tua professione?
Leggi Tutto
Ho iniziato a rivedere tante convinzioni e stereotipi che mi tenevano bloccata in modi e tempi prestabiliti
Alice Ghisoni
Alice GhisoniDescrivi la tua esperienza ad ICNOS con una frase
Leggi Tutto
Pratica, pratica, pratica. Possibilità di crescita professionale e concretezza contraddistinguono questa scuola
Monica Patrizi
Monica PatriziUn motivo per cui consiglieresti questa scuola ad un collega
Leggi Tutto
Ottimi docenti, preparati e disponibili alle esigenze degli allievi, grandi opportunità di crescita delle proprie competenze: rifarei questa scelta altre 100 volte!
Letizia Moretti
Letizia MorettiPerché hai scelto questa scuola?
Leggi Tutto
Ho valutato diversi approcci e diverse scuole prima di decidere ma solo l'Istituto ICNOS mi ha convinto fino in fondo; non sbagliavo: già dopo il primo we ho avuto la netta percezione di trovarmi nel posto giusto e, nel corso del primo e secondo anno, le cose si sono incastrate tra di loro come i pezzi di un puzzle componendo la mappa in modo sempre più organico e funzionale.
Roberta Miele
Roberta MieleIn che modo la scuola ti è tornata utile nella tua professione?
Leggi Tutto
Offrendomi da subito le conoscenze teoriche ma soprattutto pratiche grazie alle tante esercitazioni che affiancano la teoria e grazie ai tanti stimoli e al supporto dei docenti.
Valeria Campinoti
Valeria CampinotiDescrivi la tua esperienza ad ICNOS con una frase
Leggi Tutto
Ha soddisfatto le mie necessità e superato le mie aspettative
Marcella Di Cara
Marcella Di CaraUn motivo per cui consiglieresti questa scuola ad un collega
Leggi Tutto
Docenti super validi, continua crescita personale e professionale, possibilita di confronto, e non meno importante tanta pratica!
Precedente
Successivo

Altre informazioni​

Open Day

Istituto ICNOS – Scuola di Specializzazione

Se vuoi conoscere i dettagli del programma formativo, costi e modalità d’iscrizione partecipa al prossimo Open Day
 
Quando:
18 DICEMBRE 2020 – h. 18.30
Dove:
sulla piattaforma online ZOOM
Per iscriverti compila uno dei moduli presenti nella pagina dedicata. Ti basta cliccare qui.
 
Altri Open Day:
 

 

 

La nostra Scuola di Specializzazione ha un costo di 3700 euro/anno iva esente

La retta annuale può essere pagata in un’unica soluzione o in tre rate nell’arco dell’anno.
L’istituto ICNOS ha una convenzione con un primario istituto di credito per finanziare, a chi dimostri di avere le opportune garanzie, l ’importo a tasso zero in 10 rate annue
L’Istituto ICNOS, per l’anno 2021, mette a disposizione dei propri studenti n. 2 borse di studio del valore di 1000€ ciascuna.
La  Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Breve Sistemico-Strategica ICNOS è riconosciuta dal MIUR con nota prot. 1783 del 21 aprile 2017.

Bartoletti, A. & Nardone, G. (2018). La paura delle malattie. Milano: Ponte alle Grazie

Bateson, G. (1972). Steps to an Ecology of Mind. New York: Chandler Publishing (Tr. it. Verso un’ecologia della mente. Milano: Adelphi, 1977).

Berg, I. K. (1994). Family-based services: A solution-focused approach. New York: Norton.

Berg, I. K. & Dolan, Y. (2001). Tales of solutions: A collection of hope-inspiring stories. New York: Norton.

Berg, I. K. & Miller, S. D. (1992). Working with the problem drinker: A solution-oriented approach. New York: Norton (Tr. It. Quando bere diventa un problema. L’alternativa alle lunghe e costose terapie tradizionali. Milano: Ponte alle Grazie).

Bond, C., Woods, K., Humphrey, N., Symes, W., Green, L. (2013) The effectiveness of solution focused brief therapy with children and families: a systematic and critical evaluation of the literature from 1990–2010. Journal of Child Psychology and Psychiatry, 54(7), 707-23.

Caniato, D. & Skorjanec, B. (2002). The role of brief strategic therapy on the outcome of gastric banding. Obesity Surgery, 12(5), 666-71.

Cannistrà, F. & Piccirilli, F. (2018). Terapia a Seduta Singola. Principi e pratiche. Firenze: Giunti.

Castelnuovo, G., Manzoni, G. M., Villa, V., Cesa, G. L. & Molinari, E. (2011). Brief Strategic Therapy vs Cognitive Behavioral Therapy for the Inpatient and Telephone-Based Outpatient Treatment of Binge Eating Disorder: The STRATOB Randomized Controlled Clinical Trial. Clinical Pratice & Epidemiology Mental Healt, 4, 7, 29-37.

de Shazer, S. (1982). Patterns of Brief Family Therapy: an Ecosystemic Approach. New York, NY: The Guilford Press.

de Shazer, S. (1984). “The death of resistance”.  Family Process 23: I 1-17.

de Shazer, S. (1985). Chiavi per la soluzione in terapia breve. Roma: Astrolabio-Ubaldini.

de Shazer, S. (1988). Clues: Investigating Solution in Brief Therapy. New York, NY: W W Norton & Company.

de Shazer, S. (1991). Putting Difference to Work. New York, NY: W W Norton & Company.

de Shazer, S. (1994). Words Were Originally Magic. New York, NY: W W Norton & Company.

de Shazer, S., Berg, I. K., Lipchik, E., Nunnally, E., Molnar, A., Gingerich, W. & Weiner-Davis, M. (1986). Brief therapy: focused solution development. Family Process, 25, 207-221.

de Shazer, S. & Dolan, Y. M. (2007). More than miracles. The state of art of  Solution-Focused Brief Therapy.New York: Taylor & Francis.

de Shazer, S. & Isebaert, L. (2003), The Bruges Model: a solution-focused approach to problem drinking. Journal of Family Psychotherapy, 14, 43-52.

Dolan, Y. (1992). Resolving Sexual Trauma. New York: Guilford.

Fisch, R. (1986). The brief treatment of Alcoholis. Journal of Systemic & Strategic Therapy, 5, 3, 40-49.

Fisch, R. Weakland, J.H. & Segal, L. (1982).The Tactics of change: Doing therapy briefly. San Francisco: Jossey Bass (Tr. it. Change: le tattiche del cambiamento. Roma: Astrolabio, 1983).

Fisch, R. & Schlanger, K. (2002). Brief Therapy with Intimidating Cases. New York: Harper Collins (Tr. it. Cambiare l’immutabile. Terapia breve per casi difficili. Milano: Raffaello Cortina, 2003).

Green, S. & Flemons, D. (2004). Quickies. The handbook of brief sex therapy. New York: Norton & co.

Haley, J. (1960). Direct study of child-parent interactions: Workshop, 1959: 3. Observation of the family of the schizophrenic. American Journal of Orthopsychiatry, Vol 30(3), 460-467.

Haley, J. (1963) Strategies of psychotherapy. New York: Grune & Stratton (Tr. it Strategie della psicoterapia. Firenze: Sansoni, 1985).

Haley, J. (1968). Testing parental instructions to schizophrenic and normal children: A pilot study. Journal of Abnormal Psychology, Vol 73(6), 559-565.

Haley, J. (1969). The art of being a failure as a therapist. American Journal of Orthopsychiatry, Vol 39(4), 691-695.

Haley, J. (1980). Leaving Home: The Therapy of Disturbed Young People. New York: Brunner/Routledge (Tr. it. Il distacco dalla famiglia. La crisi del giovane e la terapia della famiglia. Roma: Astrolabio, 1983).

Haley, J. & Grove, D. (1993). Conversations on Therapy: Popular Problems and Uncommon Solutions. New York: Norton (Tr. It. Dietro lo Specchio. Problemi ingarbugliati e soluzioni originali nella terapia della famiglia. Roma: Astrolabio, 1995).

Hoyt, M. F. & Talmon, M. (Eds.) (2014). Capturing the moment. Single session therapy and walk-in services. New York: Wiley (Tr. It. Capturing the moment. Terapia a seduta singola e servizi walk-in. Roma: CISU, in stampa).

Hoyt, M. F., Bobele, M., Slive, A., Young, J. & Talmon, M. (2018). Single Session Therapy by walk-in or appointment. New York: Routledge.

Hoyt, M. F. & Cannistrà, F. (2019). Single-Session Therapy: A healthful approach to effectively and efficienty solving client problems. Italian Journal of mental health, 1/2019, 73-85

Jackson, D. (1967). Brief therapy of a male alcoholic and spouse. Registrazione audio inedita di 9 sedute di terapia. Theoretical Foundation Project, Mental Research Institute, Palo Alto, CA.

Jackson, D. & Weakland, J. H. (1961). Conjoint Family Therapy: Some considerations on theory, technique & results. Psychiatry, 24 (2), 30-45.

Lyubchenko, M., Baziak, Y. (2015). The strategic psychotherapy in the treatment of mental and behavioral disorders of the anxiety spectrum. Georgian Medical News, 241, 62-8.

Madanes, C. (1981). Strategic Family Therapy. San Francisco: Jossey-Bass (Tr. it. Per una terapia familiare strategica. Roma: La Nuova Italia Scientifica, 1987).

Nardone, G. (2016). La terapia degli attacchi di panico. Milano: Ponte alle Grazie.

Nardone, G. & Bartoli, S. (2019). Oltre se stessi. Milano: Ponte alle Grazie.

Nardone, G. & Balbi, E. (2008). Solcare il mare all’insaputa del cielo. Milano: Ponte alle Grazie

Nardone, G. & Brook Barbieri, R. (2010). Advanced Brief Strategic Therapy: An overview of interventions with eating disorders to exemplify how theory and practice work. European Journal of Psychotherapy & Counselling, 12, 113-127

Nardone, G. & Equipe CTS (2012). Aiutare i genitori ad aiutare i figli. Problemi e soluzioni per il ciclo di vita. Milano: Ponte alle Grazie.

Nardone, G. & Milanese, R. (2018). Il cambiamento strategico. Milano: Ponte alle Grazie.

Nardone, G. & Portelli, C. (2013). Ossessioni. Compulsioni. Manie. Milano: Ponte alle Grazie.

Nardone, G. & Salvini, A. (2004). Il dialogo strategico. Milano: Ponte alle Grazie.

Nardone, G. & Salvini, A. (2019). International Dictionary of Psychotherapy. Londra: Routledge.

Nardone, G. & Selekman, M. D. (2011). Uscire dalla trappola. Abbuffarsi, vomitare, torturarsi: la terapia in tempi brevi. Milano: Ponte alle Grazie.

Nardone, G., & Valteroni, E. (2017). L’anoressia giovanile. Milano: Ponte alle Grazie.

Nardone, G. & Watzlawick P. (1990). L’arte del cambiamento. Milano: Ponte alle Grazie.

Nardone, G., Balbi, E., Vallarino, A. & Bartoletti, M. (2017). Psicoterapia breve a lungo termine. Milano: Ponte alle Grazie.

Nardone, G., Verbitz, T. & Milanese, R. (1999). Le prigioni del cibo. Milano: Ponte alle Grazie.

O’Connell, B. & Palmber, S. (2014). Manuale di terapia centrata sulla soluzione. Firenze: Libriliberi.

Perkins, R. (2006). The effectiveness of one session of therapy using a single-session therapy approach for children and adolescents with mental health problems. Psychological psychotherapy, 79(2), 215-227.

Pietrabissa, G., Manzoni, G. M., Ceccarini, M. & Castelnuovo, G. (2014). A Brief Strategic Therapy Protocol for Binge Eating Disorder. Procedia – Social and behavioral sciences, 113, 7, 8-15.

Pietrabissa, G, Manzoni, G. M., Gibson, P., Boardman, D., Gori, A. & Castelnuovo, G. (2016). Brief strategic therapy for obsessive-compulsive disorder: a clinical and research protocol of a one-group observational study. BMJ Open, 24, 6(3).

Rampin, M. & Nardone, G. (2002). Terapie apparentemente magiche. Milano: Mc Graw-Hill.

Rakowska, J.M. (2011). Brief strategic therapy in patients with social phobia with or without personality disorder. Psychoterapy Research, 21(4), 462-471.

Rakowska, J.M. (2015). Brief strategic therapy in first myocardial infarction patients with increased levels of stress: a randomized clinical trial. Anxiety Stress Coping, 11, 1-19.

Scarlaccini, F., Cannistrà, F. & Da Ros, T. (2017). Aiutami a diventare grande. Guida strategica per problemi di comportamento di bambini e ragazzi. Roma: EPC.

Soo-Hoo, T. (1999). Brief strategic family therapy with chinese americans. The American Journal of Family Therapy, 27, 2, 163-179.

Talmon, M. (1990). Psicoterapia a seduta singola. Roma: Erickson.

von Bertalanffy, L. (1968). General System Theory. Development, Applications. New York: George Braziller (Tr. it. Teoria Generale dei Sistemi. Milano: Franco Angeli, 1974).

von Glasersfeld, E. (1981). Un’introduzione al costruttivismo radicale. In P. Watlzawick, op. cit., pp. 17-35.

von Glasersfeld, E. (1987). The Construction of Knowledge: Contributions to Conceptual Semantics. Seaside: Intersystems Publications (Tr. it. Linguaggio e Comunicazione nel costruttivismo radicale. Milano: Clup, 1989).

von Glasersfeld, E. (1995). Radical Constructivism: A Way of Knowing and Learning. London & Washington: The Falmer Press (Tr. it. Il costruttivismo radicale. Una via per conoscere ed apprendere. Roma: Società Stampa Sportiva, 1996).

Watzlawick, P. (a cura di). (1981). Die erfundene Wirklichkeit. Munchen: Piper & co. (Tr. it. La realtà inventata. Contribuiti al costruttivismo (edizione 2.0). Milano: Feltrinelli, 2006).

Watlzawick, P. (1977). Die Moglichkeit Des Anderssein. Bern: Verlag Hans Huber (Tr. it. Il linguaggio del cambiamento. Roma: Feltrinelli, 1980).

Watlzawick, P. & Nardone, G. (a cura di). (1997). Terapia breve strategica. Milano: Raffaello Cortina.

Watzlawick, P., Beavin, J. H. & Jackson, D. D. (1967). Pragmatics of Human Communication. New York: Norton & Co. (Tr. it. Pragmatica della comunicazione umana. Roma: Astrolabio, 1971).

Watzlawick, P. & Coyne, J. C. (1980). Depression following stroke: brief problem-focused family treatment. Family Process, 19, 13-18.

Watzlawick, P. & Weakland, J. H. (1976). The interactional view. Palo Alto: Mental Research Institute (Tr. it. La prospettiva relazionale. Roma: Astrolabio, 1976).

Watzlawick, P., Weakland, J. H. & Fisch, R. (1974). Change: The Principles of Problem Formation and Problem Resolution. New York: Norton (trad. it. Change: Sulla formazione e la soluzione dei problemi. Roma: Astrolabio, 1974).

Weakland, J. H. (1983). “Family therapy” with individuals. Journal of Strategic and Systemic Therapy, 2 (4), 1-9.

Weakland, J. H., Fisch, R., Watzlawick, P. & Bodin, A. M. (1974). Brief Therapy: Focused Problem Resolution. Family Process, 13 (2), 141 168; (Tr. it. Terapia breve: una soluzione focalizzata dei problemi, in P. Watzlawick, J.H. Weakland (a cura di), La prospettiva relazionale. Roma: Astrolabio, 1978).

Wells, J. E. et al. (2013). Drop out from out-patient mental healthcare in the World Health Organization’s World Mental Health Survey initiative. The British Journal of Psychiatry, 202 (1) 42-49.

Yapko, M. D. (2015). Keys to Unlocking Depression. Fallbrook, CA: Yapko Publications.

A conclusione di ciascun anno di formazione, è prevista una verifica degli apprendimenti con relativo feedback correttivo. Gli esami annuali e finali verranno sostenuti previo controllo dell’apposito libretto di formazione, predisposto dall’Istituto, per registrare le attività svolte da ogni singolo allievo, anche in riferimento alle attività finalizzate al conseguimento di competenze sulla conduzione della relazione interpersonale e specificamente psicoterapeutica.

Alla fine del quadriennio, lo specializzando dovrà sostenere un esame finale e discutere di fronte al Comitato scientifico la tesi elaborata o l’esposizione argomentata di casi clinici trattati con supervisione.

Al termine del quadriennio, a seguito della verifica delle presenze e superamento dell’esame finale, sarà conferito agli allievi il diploma finale di “Specialista in Psicoterapia Breve Sistemico Strategica”.

Modulo di contatto

Resta in contatto

Attraverso questo modulo potrai lasciare la tua mail, così da restare aggiornato su tutte le ultime novità riguardanti la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Breve Sistemico-Strategica ICNOS

News

Contatti

TELEFONO

3519739625

INDIRIZZO

via Nomentana, 60 - ROMA

MAIL

info@istitutoicnos.it